Brevi cenni sul paesaggio di Popoli

Peasaggio Popolese “Montagne, fiumi ed edifici storici”

 

La cittadina popolese è posizionata tra il basso corso dell’Aterno e il massiccio della Maiella. Popoli si trova nella valle Peligna, un altopiano dell’Abruzzo interno centrale. Caratteristiche di Popoli sono le sue gole, caratterizzate da profonde incisioni rocciose che vanno a separare Gran Sasso e Majella per facilitare il corso del fiume Pescara. Popoli è chiamata “città delle acque” poiché al suo interno scorrono i fiumi Pescara, Aterno, Giardino e San Callisto e a pochi chilometri il Sagittario. San Callisto e Pescara si unificano lì dove sorge il ponte “Giulio Cesare” dove si narra avvenne la battaglia tra Romani e Italici.

Come già citato in precedenza Popoli è circondata da catene montuose che contribuiscono ad arricchire il paesaggio, e sono: il tratto terminale della Majella con Monte della Grotta (1084m) e Monte Schiena d’Asino, e sulla sinistra del principiare del Gran Sasso meridionale con il Monte di Roccatagliata (988m). Il paesaggio, in ogni caso, è reso suggestivo da fianchi scoscesi e dirupi, ricoperti di leccete o querceti a roverella.

Un tratto  caratteristico di questa cittadella sono le sue Svolte, un tratto di strada montana abbastanza famoso grazie al passaggio annuale del Giro d’Italia e della Cronoscalata, evento motoristico sentito nel paese e in tutta Italia.

La vegetazione popolese è abbastanza ricca e variegata, lungo il corso d’acqua si rinvengono formazioni ripariali con pioppeti e saliceti. L’elemento dominante è il leccio, con esemplari  che arrivano addirittura a 10m. Altro elemento dominante è l’ostrieto tipico del tratto delle Gole di Popoli.

Tra gli edifici storici di Popoli troviamo la Chiesa di San Francesco in piazza Giacomo Matteotti, la chiesa della Santissima Trinità in cima alla salita di fornte a San Francesco. Il più importante edificio popolese è il monumento ai caduti in Piazza Paolini, dedicato alle vittime della Seconda Guerra Mondiale.

 

Lavoro realizzato da: Jacopo Galli e Antonio Antonucci

Studenti del Liceo Scientifico “A. di Savoia” di Popoli.

Progetto “Alternanza Scuola Lavoro”.

Fonti: Adriano Ghisetti, Popoli Città d’Arte e Natura,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *